© 2005 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Fondazione Nicola Del Roscio - P.Iva: 10792441007

Orto Botanico

L'orto Botanico è stato fondato nel 1985 su di un terreno abbandonato e degradato, in località Monte Orlando, composto di 13 terrazze degradanti verso il Golfo di Gaeta esteso per circa 2 ettari. Consiste principalmente di specie botaniche tropicali e sub-tropicali, molte delle quali rare ed in via di estinzione nei paesi di origine.

 

La particolarità della collezione è basata su 150 specie diverse di palme, provenienti da semi raccolti durante viaggi di lavoro o di piacere nei diversi continenti. Il giardino è iniziato come ricerca sperimentale per l’ acclimatazione delle palme.

 

Si tratta di un giardino con un equilibrio molto delicato per la rarità delle specie e la conformazione a terrazze del terreno. La sperimentazione continua a tutt’oggi. La Fondazione finanzia il mantenimento e il miglioramento dell’orto botanico a partire dal 2012.

 

Nella primavera 2015 è stato aperto, in collaborazione con il FAI, per 2 giorni ad un pubblico limitato agli iscritti FAI e nel maggio 2015 alcune scuole hanno visitato il giardino. Nel futuro l’orto botanico sarà aperto ad un pubblico molto limitato, nel periodo primaverile , a causa della particolarità del sito.

 

Nella primavera del 2015 vari articoli di giornali sono stati pubblicati in occasione delle 2 giornate di visita del FAI, con intervista telegiornale sul terzo canale della televisione pubblica. Nel marzo 2015 il New York Times ha dedicato 8 pagine sulla storia del proprietario e sul giardino. La fondazione NDR è in procinto di stampare un libro con note, notizie storiche, informazioni botaniche, suggerimenti ed esperienze.

 

L'orto Botanico è mantenuto senza ricorrere a disinfettanti o concimazioni chimiche.

Restauro di un terreno di proprietà del Comune di Gaeta, adiacente all'orto botanico.

Si tratta di un terreno espropriato dal Comune dopo demolizione di manufatti abusivi e di un gran bel panorama sul Golfo. Il restauro ambientale è iniziato nel 2014, prendendo in affitto dal Comune per 6000 euro l’anno il terreno e consiste nella rimozione detriti edilizi, tondini di ferro, immondizie varie, ripristino canalizzazione delle acque piovane e delle mura dei terrazzamenti. Sono già stati piantati circa 800 cespugli di piante diverse, soprattutto melliflue per api, uccelli, farfalle, etc.

 

L'rrigazione iniziale delle piante è fatto grazie alla raccolta di acqua piovana in contenitori di zinco. Alla scadenza del nono anno, nel 2024, la Fondazione Nicola Del Roscio restituirà al Comune di Gaeta il terreno restaurato dal punto di vista paesaggistico e con le piante per l’educazione ecologica e il godimento della popolazione di Gaeta.

Botanical garden

The Botanical Garden was founded in 1985 on an abandoned and degraded land in Monte Orlando, consisting of 13 terraces sloping towards the Gulf of Gaeta covering about 2 hectares. It consists mainly of botanical species from tropical and sub-tropical countries, many of which are rare and endangered in their original places.

 

The uniqueness of the collection is based on 150 different species of palm trees, grown from seeds collected during business or leisure trips on different continents. The garden began as experimental research for the acclimation of the palm trees. The experiment continues today.

 

The garden has a very delicate balance due to the rarity of the species and the terraced land. The Foundation has funded the maintenance and improvement of the botanical garden since 2012.

 

In spring 2015, in collaboration with FAI, the garden was opened for two days to a limited public consisting of FAI members and students from some local schools. In the future the botanical garden will be open only in the spring to a very limited audience, because of the particular vulnerability of the site.

 

In the spring of 2015, on the occasion of FAI’s two-day visit, several newspaper articles were published and the garden was featured in a news program on channel 3 of public television. In March 2015 the New York Times Style Magazine devoted eight pages to the history of the garden and its owner. Fondazione Nicola Del Roscio will soon print a book about the garden with notes, historical and botanical information, recommendations and personal experiences.

 

The Botanical Garden is sustained with the use of organic and natural products only.

Restoration of a property owned by the City of Gaeta, adjacent to the botanical garden.

It is a property that was confiscated by the city after the demolition of illegal structures on the site, with a beautiful view of the Gulf. The Foundation rents the property from the city of Gaeta for 6000 euro a year. The environmental restoration began in 2014, involving restoring rain drainages, collapsed dry walls and the removal of building rubble, rebar and various garbage. Eight hundred bushes of various plants, especially the mellifluous ones for bees, birds, butterflies, etc. have already been planted.

 

The watering of the plants is possible by using collected rainwater in zinc containers. After nine years, in 2024, the Fondazione Nicola Del Roscio will return the garden, restored to its natural state, to the City of Gaeta for the enjoyment of people of the town and for environmental studies.